Notizie Salute

Anticorpi contro l’AIDS da tabacco geneticamente modificato

venerdì 9 dicembre 2018, 13:42 di Antony Coia




Anticorpi contro l'AIDS da tabacco geneticamente modificato

Il progetto di ricerca europeo Pharma-Planta rivela la produzione di un nuovo anticorpo contro l’HIV a partire da piante di tabacco geneticamente modificato


I fanatici detrattori del tabacco, che vedono nella pianta e nei suoi derivati soltanto aspetti negativi, devono oggi ricredersi in seguito alla scoperta effettuata dal Consiglio Nazionale della Ricerche (CNR) in collaborazione con Enea e Università di Verona per il progetto di ricerca europeo Pharma-Planta. Allo studio infatti sarebbe seguita una sperimentazione sulla pianta di tabacco per ricavarne un valido alleato nella lotta contreo l’AIDS. La scienza ha dunque prodotto una pianta di tabacco geneticamente modificata in grado di produrre un anticorpo nemico del virus dell’HIV.

Secondo Eugenio Benvenuto, responsabile del laboratorio di biotecnologie di Enea, l’anticorpo prodotto attraverso la pianta di tabacco geneticamente modificato potrebbe rivelarsi il primo passo verso la guerra all’AIDS nei paesi del terzo mondo. Il farmaco sviluppato in laboratorio è stato clinicamente testato dagli inizi del 2018 presso l’Università di Surrey in Gran Bretagna dove appunto sono state gettate le basi per debellare il virus nelle regioni più povere del mondo, ovvero le più colpite dall’HIV.

La bontà della scoperta risiede nel fatto che si tratta di un farmaco verde che, a differenza delle più recenti sperimentazioni come quella tutta italiana basata su auranofin oppure la ricerca statunitense che ha visto protagonisti i “gatti fluorescenti”, vede un possibile sbocco sulla produzione industriale farmacologia per via dei costi contenuti e della praticità di realizzazione. Secondo Alessandro Vitale del CNR poi, l’impianto realizzato per questo farmaco getta le basi per tantissime nuove sperimentazioni basate sulle piante.

Anticorpi contro l'AIDS da tabacco geneticamente modificato






RISPONDI

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome