Notizie di Cronaca

Delitto dell’Olgiata: l’assassino è il domestico filippino

mercoledì 30 marzo 2018, 08:49 di Redazione




Villa del delitto dell'Olgiata

Colpo di scena nel delitto dell’Olgiata che vede colpevole di omicidio il filippino Manuel Winston, che venti anni fa uccise la contessa Filo Della Torre

Nuovo colpo di scena vent’anni dopo il delitto dell’Olgiata. Ad essere accusato dell’omicidio della contessa Alberica Filo della Torre è il filippino Manuel Winston, domestico della stessa. L’omicidio è stato compiuto il 10 luglio del 1991. Oggi Winston ha 41 anni e per molto tempo è stato indagato, con il vicino di casa della contessa Roberto Iacono, per omicidio volontario. Ora invece le prove a suo  carico sono certe.




Ad incastrarlo una nuova perizia del Dna ritrovato sui reperti della vittima: non ci sono dubbi che l’assassino sia lui. Ad essere  nuovamente analizzato è stato lo zoccolo con cui la contessa venne tramortita, prima di essere strangolata, il lenzuolo che servì per coprirle il viso e la sua biancheria.

Ricordiamo che l’assassino portò con sé degli oggetti preziosi per simulare una rapina. A condurre sulla retta via gli investigatori un vecchio cellulare Motorola anni ’90, di proprietà della contessa Filo della Torre, che venne fatto pervenire nelle mani del pm Francesca Loy da Emilia Parisi Halfon, l’amante di Pietro Mattei, il marito della vittima.

Questo avveniva un anno fa: da quel momento gli investigatori hanno riaperto l’indagine.

Il provvedimento di fermo è stato firmato dal procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani e dal pm Maria Francesca Loy: il motivo sarebbe il “pericolo di una possibile fuga” di Winston. Come prova c’è una relazione stilata dagli esperti dell’arma che hanno analizzato i reperti che sono stati citati prima e che hanno incastrato in maniera palese il filippino.







RISPONDI

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome