Notizie Salute

Disturbi del sonno: gli italiani e l’insonnia

lunedì 2 maggio 2018, 10:39 di Serena Marigliano




Insomnia

Circa la metà degli italiani dichiara di avere problemi connessi al sonno o comunque ne soffre. Una ricerca condotta su un campione di seicento persone da Ipsos, ha messo in luce che il momento di andare a dormire è causa di notevole ansia per almeno 1 intervistato su 5 a causa di preoccupazioni, stress e disturbi fisici di cui si soffre (le perdite urinarie ad esempio). È stato anche notato che il disagio cresce con l’età: più ci si fa anziani e più si vive con ansia il momento di dormire.




Naturalmente molte abitudini e comportamenti sbagliati influiscono sulla qualità del sonno. Il dormire poche ore a notte, le cene pesanti, gli alcolici così come il restare al pc o davanti alla tv per molto tempo e sino a poco prima di andare a letto, disturba sonno e sogni, traducendosi in molti casi in insonnia che può anche diventare cronica.

Il 65% degli italiani, e il 76% dei lavoratori, confessa, quindi, di riuscire a dormire meglio nel week-end e durante le vacanze, quando il carico di tensione e di responsabilità diminuisce notevolmente per lasciare spazio al relax.

Il sonno è l’unico modo possibile per ricaricare l’organismo dopo una giornata di lavoro intenso, ma la stragrande maggioranza degli italiani dichiara di non poter dormire sufficientemente. Tutto questo faciliterebbe non solo l’insorgere di un’insonnia cronica, incubi notturni e altro, ma anche patologie ben più gravi e preoccupanti come la depressione, poiché un organismo poco riposato reagisce male agli impulsi esterni.

Si consiglia, dunque, di dormire di più e meglio, cercando di ritagliarsi tempo a sufficienza per il sonno, onde evitare spiacevoli inconvenienti.







RISPONDI

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome