Notizie di Cronaca

Don Riccardo Seppia: arrestato il prete pedofilo e spacciatore

lunedì 16 maggio 2018, 15:12 di Serena Marigliano




Don Riccardo Seppia

Una nuova vergogna colpisce la Chiesa, stavolta a causa di Don Riccardo Seppia, il parroco di Sestri Ponente arrestato per violenza sessuale sui minori e spaccio di sostanze stupefacenti

Un nuovo scandalo pedofilia nell’ambiente ecclesiastico. Questa volta accade a Genova, nel quartiere di Sestri Ponente, dove il parroco, Don Riccardo Seppia, è stato non solo accusato di violenza sessuale su minore ma anche arrestato. Il prete, inoltre, oltre ad aver abusato di minorenni, è imputato anche per cessione di sostanze stupefacenti, cocaina nello specifico. Nell’indagine è indagato anche un ex seminarista di 40 anni che, stando alle accuse, avrebbe aiutato il parroco ad adescare i minorenni da abusare. L’uomo è accusato di prostituzione minorile.




Don Riccardo si trova nel carcere di Marassi e, nella giornata di oggi, verrà interrogato dal gip Annalisa Giacalone. I giovanissimi abusati dal prete sarebbero tre. La popolazione del quartiere di Sestri Ponente si dice sconvolta, sebbene i gusti sessuali del prete erano ben noti a tutti, così come in parecchi avevano notato delle situazioni definite strane.

Quello che lascia tutti sgomenti è soprattutto l’uso e la cessione di cocaina. Il parroco officiava messa nella parrocchia di Santo Spirito da quindici anni: stando alle dichiarazioni di alcuni fedeli che hanno voluto mantenere l’anonimato, il prete è una persona abbastanza opaca e in molti rimarcano l’abitudine di stare sempre fuori tutte le sere.

Nel frattempo, nella chiesa è arrivato un altro prete, giovane, che sostituirà Don Riccardo: a lui l’arduo compito di leggere il comunicato redatto dalla Curia per annunciare l’arresto.

Ora tutti sperano che la magistratura indaghi e punisca il prete e le sue malefatte. In tarda mattinata il prete dovrebbe anche incontrare il legale scelto come difensore per stabilire quella che sarà la linea difensiva.







RISPONDI

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome