Notizie Vacanze -> Vacanze di Pasqua

Pasqua a Cipro fra dolci e ortodossia

lunedì 4 aprile 2018, 17:31 di Redazione




Cottura di flaounes a Cipro

Cipro diventa nel periodo pasquale un’ottima destinazione per i turisti della Settimana Santa provenienti da tutta Europa

Se volete andare oltre le solite celebrazioni pasquali e conoscere il rito ortodosso, allora Cipro è la vostra meta di viaggio ideale per queste vacanze. Per la religione ortodossa, la Pasqua è un momento molto importante e segue le fasi lunari e pertanto, si festeggia  la prima domenica che segue la luna piena dell’equinozio di primavera. Tra le peculiarità ci sono innanzitutto i rituali di pulizia secondo i quali tutto deve essere pulito, dalla casa ai vestiti che devono essere nuovi.

Nelle città di mare di Cipro i preparativi iniziano già il venerdì che precede la Domenica delle Palme, quando i pescatori cominciano ad intrecciare intricate corone di foglie di palma, che saranno poi venduti dai bimbi la domenica.

Per quanto riguarda la Settimana Santa vera e propria, sottolineiamo che questa è dedicata non solo alle celebrazioni religiose ma anche alla preparazione dei cibi tipici. Tra i principali piatti pasquali di Cipro troviamo i flaounes, ossia un dolce tipico con ripieno di formaggio, uova e menta, i koulouria, cotti con latte, spezie e zucchero, e i tyropittes, ossia pasta ripiena al formaggio e impanata nel sesamo.

Altre specialità tipiche di Cipro sono le uova pasquali rosse, di questo colore grazie ad una radice chiamata rizari, o gialle, ottenute grazie alle margherite. Il Venerdì Santo di Cipro invece, secondo la tradizione, prevede che si mangi la zuppa Faki Xidati a base di lenticchie e aceto. L’aceto ricorda la Passione di Gesù che, mentre era sulla strada per il Calvario, chiese acqua e ricevette aceto.

A Cipro il Sabato Santo è il giorno completamente dedicato alla casa di Dio:  le chiese vengono quindi decorate e riempite di ceri accesi. A mezzanotte tutti si recano a sentire la messa e nella corte della chiesa è acceso un grande falò. Quando il prete annuncia la resurrezione, tutti accendono la loro candela e salutano il prossimo dicendo Christos anesti e rispondendo Alithos anesti.






RISPONDI

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome