Notizie Vacanze

Vacanze gay: a Caorle nasce il turismo gay friendly

venerdì 22 aprile 2018, 19:30 di Serena Marigliano




Turismo gay

Caorle in provincia di Venezia diventa portavoce della lotta contro l’omofobia rendendosi icona del turismo gay friendly aperto senza discriminazioni a omosessuali e lesbiche

Una bella novità per superare il pregiudizio e l’omofobia: Caorle, località marittima in provincia di Venezia, apre al turismo gay friendly. Ciò significa che la cittadina è pronta ad accettare senza alcuna remora gay, lesbiche, trans e bisessuali, offrendo loro una vasta scelta tra hotel e altre strutture. Comparirà, quindi, sui cataloghi l’icona di due omini vicini per indicare che la struttura in questione accetta senza alcun problema le coppie omosessuali.




Indubbiamente un passo in avanti per la comunità gay-lesbo-trans che proprio in questi giorni è al centro di nuove, aspre polemiche. Agli omosessuali non è ovviamente vietato l’accesso nelle strutture alberghiere ma spesso le occhiatine di disprezzo fanno più male di una legge o un divieto.

Per questo Caorle ha deciso di dire chiaramente che sta con gli omosessuali. Accanto ai due omini comparirà anche una scritta: qui sono ben accetti i gay. Un modo per far sentire la propria solidarietà. Queste strutture hanno ricevuto una vera e propria certificazione. Trivago segnala due hotel in particolare: si tratta dell’hotel Serena, struttura a tre stelle sul lungomare Trieste, e il il bed & breakfast Caorlina, catalogato come «adatto per gay».

Anche l’hotel Atenea e il centro vacanze Pra’ delle Torri sono stati riconosciuti gay friendly. Un bel passo avanti che renderà Caorle una meta ancora più ambita non solo dalle coppie tradizionali e dalle famiglie, ma anche dalle coppie omo che cercano di divertirsi proprio come chiunque altro cercando il bel mare e il divertimento che la cittadina della riviera veneziana regala.







RISPONDI

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome