Notizie di Cronaca

Violenza a Melpignano: due ragazzine stuprate dagli amici

giovedì 15 settembre 2018, 12:54 di Antony Coia




Ragazzine stuprate dal branco

Sette minorenni di Melpignano sono stati denunciati per ripetute violenze di tipo sessuale ai danni di due ragazzine del posto, precedentemente parte della stessa comitiva


Non troppo lontani dall’evento che disegna il comune di Melpignano come fulcro musicale delle tradizioni salentine, ovvero La Notte della Taranta, il paesino nel leccese si vede macabro teatro di probabili episodi di violenza che sono culminati nella denuncia ai danni di sette minorenni, tutti di età compresa tra 15 e 16 anni e residenti a Melpignano.

Ragazzine stuprate dal branco

Capo d’accusa sarebbe la violenza sessuale su due ragazzine di 13 e 14 anni, precedentemente amiche dei componenti del branco. Le sevizie sarebbero durate per un arco di tempo indefinito, a partire da giugno, ovvero dopo l’abbandono della comitiva pericolosa da parte delle ragazzine. Queste ultime, stanche di essere vittime di violenze, hanno infine raccontato gli episodi ai loro rispettivi genitori che hanno prontamente denunciato i sette stupratori.

Secondo le prime testimonianze, le due ragazze sarebbero state seguite dal gruppo e poi, soltanto al riparo da occhi indiscreti in una via buia, sarebbero state accerchiate e seviziate dai loro ex compagni di giochi.

Ad occuparsi del caso è il procuratore Maria Cristina Rizzo che oggi affida il fascicolo ai medici al fine di valutare la salute psicologica delle ragazzine e la veridicità della loro versione dei fatti. Intanto gli inquirenti si avvalgono di una prova concreta che getterebbe maggiore luce sul caso di violenza. Trattasi di un bigliettino con su scritto “Guai se parlate”, infilato giorni addietro sotto la porta di casa di una delle vittime. Una minaccia servita a poco e che anzi oggi rischierebbe di inchiodare definitivamente i presunti piccoli mostri del ridente paesino della Grecìa Salentina.






RISPONDI

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome